Percorso




Banner_no_viv

Banners



COME SOSTENERCI?
clicca qui

cingliale

Gogodigital Paypal Donation



AcyMailing Module


Iscriviti

    Iscriviti alle newsletter di           Equivita

Vienici a trovare su Facebook


Facebook Image

Seguici su Twitter


Twitter Image


In Evidenza:

Lettera aperta di Equivita sui referendum(03.06.11):

Vota 3 SI per fermare la privatizzazione dell'acqua e il nucleare!

Cari Amici,

Tre dei prossimi referendum, ovvero il referendum sul nucleare e i due referendum sulla gestione dell’acqua, rappresentano un’ancora di salvezza per tutti noi. Ci danno la possibilità di decidere su questioni che, come molti hanno detto, mettono oggi a rischio la nostra vita stessa.
A questi tre referendum sono legati inoltre i valori per i quali il Comitato Scientifico EQUIVITA si è sempre battuto: il diritto alla vita, la dignità della stessa, la tutela dei beni comuni. Dobbiamo essere in molti ad andare alle urne e vi preghiamo di dare la massima diffusione al nostro messaggio: se non si raggiungesse il quorum, un’occasione così unica e rara andrebbe vanificata… Come ha dichiarato Jeremy Rifkin, la decisione che verrà presa non riguarda solo il nucleare e l’acqua, ma l’economia e la sicurezza … riguarda, in breve, il nostro futuro!


L’ACQUA (due schede: la rossa e la gialla, sulle quali votare SI)

L’acqua è sempre stata un bene di tutti, in quanto elemento della natura. In occasione del primo acquedotto costruito a Milano nel 1888, reso pubblico, si scrisse che il bene fondamentale dell’acqua non poteva essere oggetto di profitto. Ma l’ossessiva liberalizzazione dei mercati che ha caratterizzato negli ultimi anni il mondo intero e dunque anche l’Italia, ha fatto in modo che l’Accordo Generale sul Commercio dei Servizi (GATS) promosso dall’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), trasformasse sempre più spesso in merce, alcuni degli elementi più preziosi dello Stato Sociale (pensioni, assistenza, energia, ecc) e… pure l’acqua!  Vanificando, almeno in parte, anni ed anni di battaglie ed eroici sacrifici per creare degli Stati democratici. L’acqua, quando privatizzata, si è trasformata in prodotto costoso e talvolta di lusso, e in una nuova frontiera tra ricchi e poveri. “Non si ha idea dei profitti che si possono ricavare dalla sete nel mondo!” dichiarò pubblicamente il presidente di una grande multinazionale in procinto di fare investimenti sull’acqua.
Ma l’acqua non è una merce, è un diritto umano fondamentale al quale non rinunceremo. L’acqua rischia di diventare l”oro bianco” per il quale si combatteranno le prossime guerre, se lasceremo che la sua gestione vada ad aziende private, che attraverso di essa potranno controllare un elemento fondamentale della vita. I costi dell’acqua dove si è già avuta la privatizzazione, come Berlino ( in mano  Véola), Parigi (in mano ad altre compagnie francesi) e la Toscana, sono saliti alle stelle così tanto da determinare un ripensamento sulla privatizzazione.

 

Noi con il referendum possiamo, dobbiamo fare marcia indietro, dobbiamo abrogare due provvedimenti che rendono addirittura vincolante l’ingresso dei privati nelle acque italiane, con profitto del 7% garantito per legge!.



IL NUCLEARE (scheda grigia,sulla quale votare SI)

E’ paradossale dover spiegare oggi (specie in un paese a rischio sismico come l’Italia) che non è opportuno ricorrere al nucleare, due mesi dopo Fukushima, e dopo le nuove rivelazioni statistiche su Chernobyl (da 30.000 a 60.000 morti) e nonostante la paurosa incidenza di malattie degenerative tra coloro che si sono trovati in prossimità di un disastro (assai numerosi quelli rimasti sconosciuti) o che vivono nei pressi di una centrale.
La reazione nucleare è incontrollabile e l’energia che ne deriva è inoltre la più costosa: non a caso è in declino in tutti i paesi che l’hanno adottata. Dopo Fukushima, molti paesi hanno fatto marcia indietro: la Germania e la Svizzera hanno stabilito che nel giro di alcuni anni verranno chiusi tutti i loro impianti nucleari.
Ma l’aspetto ancor più grave è che nessun paese ha ancora trovato una soluzione sicura per gestire in modo definitivo il problema delle scorie, che devono essere custodite per centinaia di migliaia di anni. Si sono sviluppati traffici illegali di scorie radioattive e smaltimenti nei paesi poveri e in mare, senza alcuna considerazione per le possibili conseguenze sull'ambiente e sugli esseri umani. I programmi nucleari dell'Italia hanno già lasciato in eredità quattro centrali da smantellare e scorie radioattive che rappresentano un rischio per tutti noi.  

Moltissimi altri sarebbero gli argomenti da elencare, ma ci limitiamo a sottolineare l’impatto sociale che una centrale nucleare crea, da un punto di vista sia economico che politico, con un così forte accentramento nella gestione dell’energia.
Il futuro è in una nuova era industriale, che possa risolvere la crisi attuale del pianeta, con una distribuzione decentrata delle fonti di energia, gestita in maniera comunitaria e responsabile, tale da orientare i cittadini ad una nuova cultura della solidarietà e del risparmio.

Solo un impegno di tutti nella diffusione di queste informazioni ci può dare la certezza che anche questa volta, come per il voto del 1987 sul nucleare, il quorum necessario di votanti venga raggiunto.

Per approfondire potete consultare il sito www.equivita.it( appena rinnovato!) nella sezione dedicata ai referendum.

Equivita
Comitato Scientifico Antivivisezionista
Via P. A. Micheli, 62
00197 Roma
Tel. +39.06.3220720
Cell. 335.8444949
Fax +39.06.3225370
emailto: equivita@equivita.it
www.equivita.it



Powered by Joomla! 1.6 - Webmaster: Roberto Trozzo