Percorso




Banner_no_viv

Banners



COME SOSTENERCI?
clicca qui

cingliale

Gogodigital Paypal Donation



AcyMailing Module


Iscriviti

    Iscriviti alle newsletter di           Equivita

Vienici a trovare su Facebook


Facebook Image

Seguici su Twitter


Twitter Image


COMUNICATO EQUIVITA 8.8.2012

REACH: un inutile massacro di animali?

 Il programma della UE di analisi delle sostanze chimiche REACH (registrazione, valutazione, autorizzazione delle sostanze chimiche) e' un tentativo pieno di buone intenzioni, ma scientificamente errato, di proteggere la salute umana e l'ambiente dagli effetti delle sostanze chimiche.
Questa la conclusione raggiunta da un Rapporto pubblicato oggi nella rivista scientifica Medicolegal and Bioethics, sottoposta a “peer review”.
Il rapporto sostiene che:

  • Le autorità EU predisposte al controllo della salute non sono al passo con la tossicologia moderna;
  • I test che oggi vengono abitualmente effettuati sugli animali non hanno valore per la previsione degli effetti sull’uomo;
  • REACH risulterà essere alla fine un massacro di animali privo di senso;
  • La salute pubblica e l'ambiente continueranno ad essere messi a rischio a causa degli effetti tossici delle sostanze chimiche.

André Ménache, autore principale del rapporto, dichiara che:
“Anche se REACH mette l'onere della prova sui produttori costringendoli a dimostrare la sicurezza dei loro prodotti, esso “segna un autogol” costrigendo in seguito i produttori ad effettuare i test di tossicità con metodi non validi per la previsione degli effetti sulla salute umana.”
Egli aggiunge: “Il fatto che ai cittadini della UE non sia stata data la possibilita' di offrire o negare il proprio consenso prima di essere esposti al fardello tossico che ora ci contamina tutti ha implicazioni sia legali sia di salute pubblica.
La presenza di quasi 300 sostanze chimiche usate dall’industria e trovate nel cordone ombelicale di bambini appena nati testimonia il fallimento della strategia di controllo dell'inquinamento. Ciò mentre le autorità europee della salute dovrebbero concentrare tutti i loro sforzi sulla prevenzione dell’inquinamento chimico.

 Il rapporto chiede che vengano adottate con urgenza le seguenti misure: 

  • Aumento significativo del biomonitoraggio dei cittadini UE, rendendo i risultati disponibili al pubblico;
  • Valutazione di tossicità delle sostanze chimiche basata sulla moderna tossicologia e non sulle prove animali; essa deve essere condotta in maniera indipendente e trasparente;
  • Priorita' assoluta ad un divieto delle sostanze chimiche tossiche trovate nel sangue del cordone ombelicale e nel sangue e nelle urine degli adulti;
  • Policy pubblica basata sulla prevenzione dell'inquinamento e della contaminazione da sostanze chimiche, invece che sul loro controllo.

 Link al rapporto : www.http://www.dovepress.com/articles.php?article_id=10625http://www.dovepress.com/articles.php?article_id=10625

 Comitato Scientifico EQUIVITA     
 www.equivita.org
Tel. + 39. 06.3220720,
+ 39. 335.8444949
email: equivita@equivita.it

CONTATTO PER I MEDIA:  candida.nastrucci@yahoo.com tel: +39 328 2093699

 



Powered by Joomla! 1.6 - Webmaster: Roberto Trozzo