Banner_no_viv

Banners



COME SOSTENERCI?
clicca qui

cingliale

Gogodigital Paypal Donation



AcyMailing Module


Iscriviti

    Iscriviti alle newsletter di           Equivita

Vienici a trovare su Facebook


Facebook Image

Seguici su Twitter


Twitter Image


 

Se vuoi sostenerci vai alla sezione
http://www.equivita.it/index.php/it/comesostenerci

<http://www.equivita.it/index.php/it/comesostenerci> del nostro sito
Per continuare la nostra battaglia abbiamo bisogno di te
 ANCHE UNA PICCOLA DONAZIONE PUO’ FARE LA DIFFERENZA

 

Newsletter sulle biotecnologie e la loro diffusione nel Mondo
Marzo 2013

26-02-2013
Monsanto si ritira dal Brasile
Fonte: reuters.com
Il gigante agroalimentare Monsanto ha deciso che ritirerà dal mercato brasiliano il suo seme Roundup Ready dal Brasile. In precedenza l’azienda aveva chiesto di poter estendere le concessioni per tutto il 2014, essendo il Brasile il secondo esportatore mondiale di soia. Il caso è finito in tribunale e l’alta corte di giustizia ha rimandato al mittente tale richiesta. Monsanto è implicata in dispute legali in molti Stati, tra cui Paraguay e Stati Uniti (Indiana).

07-03-2013
Manipolazioni genetiche sugli scimpanzé
Fonte: testbiotech.org
Tredici organizzazioni provenienti da Germania, Svizzera e Gran Bretagna hanno presentato una opposizione comune contro un brevetto relativo ad una modifica genetica, il brevetto EP1409646, concesso alla società statunitense Altor da parte dell'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO) nel giugno 2012. Esso permette di manipolare il DNA degli scimpanzé  per renderlo simile a quello umano, e quindi usare l’animale nella ricerca farmaceutica. L'opposizione comune sostiene che questo brevetto viola le disposizioni etiche nel diritto dei brevetti.
"Sappiamo che le grandi scimmie, non solo soffrono di dolore e stress, ma inoltre mostrano evidenza di coscienza simile a quella degli esseri umani.. Questo  significa che le grandi scimmie devono essere trattate con standard etici molto alti. L'Ufficio Brevetti sta violando norme etiche fondamentali” dice il professor Christophe Boesch per la Fondazione Scimpanzé Selvaggi . "Non vi è alcuna giustificazione per tali brevetti. Essi non promuovono alcun  beneficio medico ma mirano semplicemente a commercializzare animali da laboratorio” sottolinea il Dr. Brigitte Rusche, Vice Presidente dell'Associazione tedesca Animal Welfare.

08-03-2013
Whole Foods etichetterà i prodotti venduti
Fonte: Yahoo.com, New York Times
Whole Foods, compagnia di supermercati del Nord America, ha affermato che venderà, a partire dal 2018, nei propri supermercati soltanto prodotti che mostreranno chiaramente nella loro etichetta di essere composti da ingredienti OGM. Negli Stati Uniti gli OGM nei prodotti alimentari stanno diventando un serio problema, molti consumatori richiedono una etichettatura obbligatoria.
La  Biotechnology Industry Organization che rappresenta, tra le altre, Monsanto e Dupont afferma che una etichettatura obbligatoria dei prodotti potrebbe alimentare un fraintendimento tra i consumatori, che potrebbero credere che questi siano poco sani e non sicuri, mentre le tecnologie migliorano sempre più di rendimento e non c’è nulla di cui preoccuparsi.
L’azione di Whole Foods è sicuramente una mossa intelligente che favorirà lo sviluppo del mercato di alimenti biologici, mercato che già è molto in crescita negli Stati Uniti. Si spera che molte altre compagnie possano seguire l’esempio di Whole Foods, favorendo la chiarezza e la trasparenza che i consumatori devono esigere nell’acquistare determinati prodotti.

10-03-2013
FAO mette in guardia l’Uganda dai cibi geneticamente modificati
Fonte: newvision.co.ug
La FAO ha avvertito l’Uganda contro l'uso di organismi geneticamente modificati (OGM) per migliorare la produzione alimentare a causa del loro impatto sull'ambiente.
Questo è accaduto quando il Parlamento stava esaminando il disegno di legge (su biotecnologia e sicurezza nel 2012) il cui obiettivo comprende la fornitura e il rilascio generale di (OGM) in Uganda.
Nonostante il monito della FAO, il  Ministro di Stato per l'agricoltura Nyiira Zerubabel Mijumbi  ha detto che il governo stava considerando un disegno di legge per regolamentare gli  OGM, nonostante non ci sia garanzia di sicurezza e qualità.

12-03-2013
FONTE: Center for Food Safety, USA (CFS)
Cinquanta membri del congresso chiedono alla FDA di etichettare i cibi geneticamente modificati
In soli 6 mesi la petizione di richiesta di etichettatura dei cibi OGM ha raccolto 850mila firme, ed è guidata dai senatori Barbara Boxer e Peter DeFazio, sono inoltre firmatarie di tale petizione oltre 400 associazioni di consumatori, ambientaliste e per l’agricoltura biologica.
Negli Stati Uniti oltre il 95% dei consumatori vorrebbe che gli alimenti fossero etichettati, ma questi non hanno ancora accettato tale richiesta. Gli Stati Uniti sono uno dei pochi Stati a non aver consentito l’etichettatura dei cibi, a differenza dei principali Stati dell’UE, l’Australia, la Cina, il Brasile, il Giappone e molti altri dove questa è obbligatoria.

13-03-2013
Farfalle uccise dal glifosato
Fonte: articles.latimes.com
Gli scienziati che prendono la misura annuale delle migrazioni di farfalle monarca nelle  foreste messicane generalmente influenzate da questo fenomeno, hanno affermato che quella che hanno conteggiato è la popolazione più piccola che hanno visto in due decenni. C. Taylor, direttore del gruppo di ricerca, ha affermato che il calo è dovuto alla diffusione dell’erbicida glifosato.  Infatti, le farfalle che si cibano di piante colpite da questo erbicida, vengono così avvelenate.
Il glifosato è diffuso a causa delle numerose piantagioni di soia e mai GM resistenti a tale erbicida presenti negli Stati Uniti e che permettono agli agricoltori di uccidere l’asclepiade, una pianta infestante.

18-03-2013
Riso OGM
Fonte: butlat.com
Il Riso d’oro, è un tipo di riso geneticamente modificato (testato dal Rice Institute delle Filippine) che presto sarà commercializzato, nonostante numerose proteste.
Il dottor Chito Medina ha affermato che questo riso ha mostrato delle alterazioni inaspettate associate alle trasformazioni genetiche.
I produttori di questo riso affermano che questo è stato modificando incrementando la sua vitamina A, la cui carenza è una delle principali cause di cecità infantile.
Il dottor Medina afferma che questi benefici sono soltanto teorici, e questo riso, al contrario, non ha superato i test di biosicurezza a cui sono sottoposti questi prodotti; Anche l’associazione dei consumatori delle Filippine è dell’idea del dottore, e anzi chiede ai filippini di non nutrire i propri figli con il riso d’oro.
Mangiare questo riso è una risposta sbagliata alla carenza di vitamina A che affligge la popolazione filippina: si dovrebbe diversificare l’alimentazione, piuttosto che ridurla ad un solo alimento.
Alla luce di queste affermazioni (e di studi indipendenti che affermano come commercializzare questa qualità di riso GM  sia più un rischio che un vantaggio) le associazioni dei consumatori hanno chiesto al Presidente delle Filippine di ritirare dal commercio tale prodotto

18-03-2013
Campagna contro 25 nuove colture GM in Europa
Fonte: thescottishfarmer.co.uk
Contadini e gruppi ambientalisti  si sono uniti per lanciare una nuova campagna volta ad arrestare l'autorizzazione a coltivare 25 colture geneticamente modificate in Europa.
Gli attivisti tra cui Friends of the Earth Europe e Corporate Europe Observatory mettono in guardia gli Stati membri dell'UE affermando che l'espansione di coltivazioni GM e un maggiore uso del pesticida Roundup in Europa possono mettere in pericolo l'ambiente e la salute umana, come insegna l’esperienza in Sud America, dove queste coltivazioni erano state approvate.
Nei prossimi mesi, il Consiglio Ambiente UE dovrebbe decidere sulla o meno se approvare le 25 nuove colture geneticamente modificate.

Equivita
Comitato Scientifico Antivivisezionista; Via P. A. Micheli, 62 00197 Roma
Tel. +39.06.3220720 Cell. 335.8444949 Fax +39.06.3225370
emailto: equivita@equivita.it www.equivita.it
Per donazioni: c/c postale:88922000      IBAN: IT55 N076 0103 2000 0008 8922 000



Powered by Joomla! 1.6 - Webmaster: Roberto Trozzo